Se al profondo dolore di un pianto
fai seguire un grido di gioia
il suono rimane lo stesso,
generando la voce più bella.

Nell’apnea c’è una morte minuscola,
il capovolgimento di una stella,
che dilata la tua rivoluzione;

se conoscere è fare l’amore
oltre il muscolo largo e sottile
che separa l’addome dal petto
è un gran giorno tirare quel filo
dall’ovile del suono più caro-

proprio dove comincia a cadere
tra gli armonici gravi di un uomo
e il bambino che indugia agli acuti.