Tradendo la Maestra e le sue regole,
mi sono arrampicata fino al buio
per salvare quello scricciolo di lino
col celeste del tuo copricapo.
Con il blu della tela di babbo
ho coperto i germogli del sole.
Per Madame Hardy ,così antica,
la concorde alla giovane neve,
ho creduto nell’ Ave Maria
bisbigliata alle foglie più alte.

Un’ultima cosa, mio sposo,
salendo vedrai che ho lasciato
per vestale una sola betulla,
ai suoi rami adulti la cura
del rosa dei nuovi lamponi
e il nero del piccolo mirto.

Ora è tutto al suo posto in radura:
fra le chiocciole è stretta la yurta
e negli occhi dei tre pettazzuri
brilla il riso insieme alla neve.

Annunci