Mi inchino, confusa. < Di fronte a che cosa
tu fai riverenza? A chi ti inginocchi? >
Seguo la linea, che sfuma tra i colli,
verso l’intima stella più grande di me.
Acconsento alla vita.
Se inciampo vicino alla sua primavera,
alla pioggia dei fiori, disposta nell’aria,
con l’acqua raccolta nel cuore a giumella
intravedo il respiro che sale concorde,
e dove il silenzio non sta senza verbo
dal basso continuo vado alla gioia.

Dorian Florez

             Dipinto Dorian Florez