Se strofini le parole sulla pelle-
come un latte mescolato con la frusta-
basta un eco una reliquia per montare,
in luogo delle sillabe, di accenti,
paesaggi e desideri, con le mani
nominando come un bimbo quel che vedi,
ed ogni altra cosa intorno assente
si compone, sopra il fuoco della notte,
con l’offerta di altra acqua alla tua veglia –

rendendoti visibile chi ami:
un riflesso, sulla punta delle dita,
del suo biancomangiare benedetto.

 

40790534_2205782889745764_1245722643928186880_n

Immagine da Fiabe, Rabbino Nachman di Breslov

Annunci