Tra lo spazio che viviamo e il mondo accanto
siamo un nido che prepara le sue nozze
nel cavo delle mani capovolte –
danzando per minuscole fiammelle,
con l’eco della luce sulle dita,
dalle fronde del tuo salice, in preghiera,
alle ali del mio tiglio tese in cielo.