A cantare tra le mani lentamente-

con una voce millenaria intorno al garbha,

che mi penetra, profondo, che soggiorna,

annullando il lungo viaggio e chi ne esce

con l’occhio libero da ogni reticenza

ed un segreto svelato dal respiro

unito al nome ripetuto con sorpresa-

bastano i miei occhi come case

come case piccolissime invisibili

che conducono ad altre tante case

per folate di canto. Intorno al cerchio,

a tratti scende ancora il suo profumo,

sulla pezza di seta rossa di ogni sera.

Mi unisco a lei,

che più non muore tra i papaveri,

mentre soffia l’uva dove vuole

coi grappoli enormi

appesi ai bastoni.

E’ l’eco vivente di tutti gli odori

il digiuno,

la benedizione per i campi del sudore,

quieta e potente preghiera,

al mio sguardo. La stessa mitezza

in tutto si contrae

poi si distende, ricominciando

come tamburi d’acqua dei pigmei,

quando curvi sopra il fiume la percuotono,

da farne musica

ti guardo, finita la mia luce,

immersa nel presente :

porti avvolte sulla testa le tue reti,

e non inciampi,

nel passaggio stretto delle piste,

dove io leggera cado ad ogni ramo

per raccogliere del miele sulle mani,

le foglie verdi in fumo per le api.

Sul buco di dolcezza ancora strappo

un pezzo piccolissimo di favo,

lanciandolo nel cielo, e, solo dopo,

all’imbrunire,

prendo a succhiare il lembo della garza,

tumida e inzuppata –

non è impossibile andare più lontano

del grande cerchio tra i fiori e le radici,

se siamo stati tanto nudi e veri

da avere accolto in noi anche il bisogno

di essere amati, e riposare scalzi,

nelle braccia di un altro, vulnerabili,

col diaframma aperto e insieme uguale

solo al desiderio di fiorire,

se quando perdiamo una cosa cara

esclamiamo così, semplicemente,

“è andata via da noi”.

C’è un segno lontano sul mio petto,

una linea sottilissima di gioia

in lotta col colore che ora scrive

schiarendosi lo spazio, poi ritorna

col duro esercizio delle sbarre,

e una ghirlanda,

nel bianco silenzio delle querce,

come in canto

è la bellezza a meritare

mentre vola la terra in mezzo al cielo

confermando la vocazione dello sguardo

il continuo movimento in un miracolo

:

la porziuncola di pace tra le celle

e lo spiraglio

che moltiplica l’amore,

nel misterioso dispensiere di vivande,

è il sapore di una mano nuova,

la lingua calda nelle sue profondità,

dimentica di sete e della fame,

quando avanzano le ombre sopra i piedi.

Sui prati rosa si posa adesso un velo,

e appena visibile cammina,

superando ogni ricordo,

nel sole della sera,

poi solo un luccichio, che si spegne

indebolendo le mie forze per tacere,

per rendere leggera questa veglia

alla notte del destino. Torneranno

torneranno nelle ali luminosi

gli angeli “a comporre la mia voce ”.

A Muslim girl prays in a madrasa or school during the Muslim fasting month of Ramadan on the outskirts of Jammu September 9, 2008. Muslims around the world abstain from eating, drinking and sexual relation from sunrise to sunset during Ramadan, the holiest month in the Islamic calendar. REUTERS/Amit Gupta (INDIAN-ADMINISTERED KASHMIR)

Annunci