clip_image008[5]

Con il cuore pieno di cavità
Puoi udire la musica anteriore
Ad ogni musica composta-
Come avesse raccolto tempo ad ogni inciampo
Mandando un soffio ci ordina di camminare
Sulla strada più lunga di neve, nella gioia
Trascorsa dei suoni- Con altre creature

In questo spazioaperto della notte
Pulsano in pieno corpo i nostri passi
E’ lì dove ti porto, in processione,
Nella casa rossa di raccoglimento
Con il girare silenzioso dei pianeti
Nel ritmo inalienabile e profeta
Del vuoto azzurro, del respiro come prima
Quanto più ampio nella parola trasparente,
Da contenere insieme un’orazione

-solo il rumore del mare o il vento
possono somigliare nei silenzi
quando passano dolcemente senza attesa
e senza vuoto-
Dove un sospiro inestinguibile
Trascende le parole, e vive
Nella voce sacra
Di un chiamare ed un ascolto insieme
La promessa custodita che non cela
respirando qualcosa del suo fiato

Un amore irriducibile, fosse pure in un respiro,
Si riconosce, a riposarsi dentro un nido,
Respirando qualcosa del suo fiato
Riparati nell’arnia del silenzio

Avvertiremo l’inimmaginabile
E con naturalezza
Che la Parola sta per nascere
Penetrando nella gola come un seme
Nel mentre che svanisce

E se spingendo piano va nel buio
Per diffondersi nella carne dei capelli
Si adagerà tra noi
Oltre ogni accadimento

clip_image010[5]

Annunci