Mutano nella luce le nostre ombre

Di pelle in pelle, alla fine delle pietre,

L’ultima sarà la Tua.  E non voltarti indietro

Per  questi occhi di carne

-finirà la visione

nella sconfitta dei sensi-

 

Con un soffio, passami accanto la sera,

Ponendo uno spirito lene,

Come dentro ad un sole

Sàlvati il viso. Discendi  sul fondo

Ad aprire le strade delle cose sparite

Tracciando solchi dorati

Terrò a mente, nello sguardo escluso,

Come afferri  qui  ciascuna  rosa

Tanto profonda  e irrevocabile

Tu sappi dell’immagine

Oltre tutto ciò

Che su di lei si chiude

 

flora-31

Annunci