Tag

, , , , ,

Appoggiati al muro e muti

tra due suoni

fedeli al duro accordo

di sanare le parole

rafforzando la grazia dell’ascolto

pur temendone il dolore

in quel silenzio

gli odori sono usciti dalle porte

Un muro inerte- dici che saremo

che sarà faticoso nelle stanze

contando i tuoi respiri

ricordare  del bacio ad Istanbul.

All’incrocio con Dalgic Cikmazi

socchiudo gli occhi a pagina cinquanta

nello spazio di un piccolo Museo

dell’innocenza, l’epifania intoccabile

di un miracolo più ancora

cadendo al muro giura

sulla promessa estrema-

con il petto lavato tra le pietre-

dischiude la sua accoglienza e il tempo

infine non fa male

Come una mano potrebbe aprire un origami

ci ha sconvolto così

il vuoto spazio dell’amore

il velo irripetibile

fino a dove ci siam spinti

levava le parole di ogni giorno e ora

la sera viene sopra, a poco a poco,

al Nostro primo tacere, da un lato nuovo

chiudimi pure gli occhi,  io vedrò

come un fratello col mio cuore

a vita nuova amarsi

il museo dell'innocenza

Orhan Pamuk- Masumiyet Müzesi

Annunci