Tag

Brillano gli occhi chiari di ricordo

se mi chinassi verso la fotografia

li sparpaglierei come lucciole sottili

alla fine dell’estate

che s’addormenta sotto l’albero del tasso

con le braccia lungo i fianchi. Lei risale

tenendosi alla vita un mezzo giro

su se stessa

col battacchio della ciotola fa il suono

e mentre dura a lungo sta sospesa

con fatica, con fatica estrema

sollevando un ramo  innominabile

quando tocca terra ed è già tutto

in piena luce nel suo pettoscuro

a coprire generazioni di dolore

una pressione che la sfonda

sullo sterno

una fitta lenta  nel diaframma

ferma il mondo

con  l’aiuto di nessuno-  dove viene

con la neve che si ferma, che s’allenta

con la pena -ancora viva-

succhia il verde ultimo di vita

come fosse un albero la cima

Non è più dato piangere sull’urna

della sera

si sono fatti segni di una ruggine

che delineano un sorriso in fondo al cerchio

e due  viti sopra i bordi nel risplendere

sembrano i suoi occhi che si  vedono..

sfioro quella madre che contiene 

otto ninive scritte con la cenere

i suoi gioielli ancora dentro, una magia

fa vacillare  in tempo

il tempo

facendosi di carne tra le dita

finchè le mani passano. a far male

un’altra volta

leggera come un’anima

la tocco

come se avesse della vita adesso

deciso  il perchè si muore

dove finisce il suono nella ciotola

è l’ora del mio passo che la porta

al punto in alto  della prima luce

io mi abituo al buio che ricavo

nel rosso della gola fino a sera

quando un gesto nuovo si propaga

e vi immerge profondo il suo sorriso

per Noi, non è cambiato niente.

Annunci