Tag

il y aOgnuno è vicino alla sua  polvere

Di ricchezze private, di carezze

intimamente clamorose

Trattengono gli occhi nel passato

Vivo ciò che ama: l’ossigeno e due pietre

Nude. Nel corpo della montagna

Stanotte è nevicato sul punto di piangere

Ma non avevo il libro delle preghiere

E il mattino ha cancellato come vento

Le impronte al primo sole.
Era poco fa. Altro non è

Lo sguardo azzurro

Acqua che si ritira

Nel bianco delle rose

d’altura

Alla vertigine della libertà

Tornerò nel bosco a far notte

Per la speranza dei cervi

Per la continuità del volo

E l’ultrasuono- tremendo

Nell’orecchio del cielo-

Intorno al silenzio

Che rimargina

L’impossibile morire.

Annunci