Tag

,

Un solo giorno ancora da colmare

sostiene l’Anno sull’orlo della vista

Più del Nome  chiama ciò che resta,

l’aprirsi senza fine- nascosto nella stanza

lucida di male e creme d’avene-

delle garze d’acqua

che ti porgevo sulle labbra

le hai scambiate  col bicchiere

aprendo le mani nude

le alzavi fino al viso

afferrando l’aria

come a portare un peso

dal deserto della gola

all’invisibile di luce

non so fin dove

   perché  avevi degli angeli   alle labbra

                               la grazia nel tenere niente

                                                il mistero delle egrette sacre

                                                                                      a bere Nulla

                                                                                                 riempio la sera, ancora,

come una pita

la ciotola di latte grigia

e suono intorno

un lamento bianco

circolare

nello sguardo ebbro

di sentire

quel vuoto lieve

tra le mani

che resta dell’assenza

come spazio

  del suo Essere sublime

egrettasacra

 

Annunci