Tag

                        “E lo sognavo, e lo sogno,
e lo sognerò ancora, una volta o l’altra,
e tutto si ripeterà, e tutto si realizzerà,
e sognerete tutto ciò che mi apparve in sogno.

 Là, in disparte da noi, in disparte dal mondo

un’onda dietro l’altra si frange sulla riva,
e sull’onda la stella, e l’uomo, e l’uccello,
e il reale, e i sogni, e la morte: un’onda dietro l’altra.”

                                                                                                                                                            – Tarkovskij –

Si elide lentamente

nelle forme cicliche del rito

l’ansia che sa il termine di tutto

battendo di un solo passo l’uomo

-mundus imaginalis

lieve parete – al volto tuo

con quali occhi e mani

posso avvicinarmi

-lama gemella  di bellezza-?

Faccia a terra con le parole. lotto

aspettando entri. la felicità

pietra luminosa che si muove ancora

nel giordano infinito. sotto la neve

fruga il pane tra gli steli

il nome (è) sveglio si posa sulla sera

lei sogna riversa vita

in completa nudità dimentica

di una ferita polare. senza cura
correndo dentro tutto il corpo
poco e molto insieme. Pianissimo
per non svegliarla
dagli occhi esce la foglia
si leva l’ascolto dalle mani
schiusa
verso terre di quiete
dove perfino il buio
ha spento il buio,
colando ai piedi luce
kouroi_2928289-sseo1961
Annunci