Tag

 

Melodia del fado. Pausa e dolore

dalle caviglie al cielo

vogliono luce all’indietro

l’amore inondato di sole

nella stanza svanita d’arrocco –

un punto d’appoggio qualunque

sollevano  l’ll mondo e la voglia

di ricominciare

Dimmi : quanto dura l’ll dolore ?

 

– correvo sull’erba luisa, cercando

dove finiva la pioggia

nelle mani due pietre

a segnare la notte

quando resta fuori dal giorno-

torna a casa la maternità

nell’ora più esatta

le trine negli occhi.

il Malte di Rilke.  Maman

( Un credito di fiducia la billy cook,

i finimenti in cordura, i ferri

che tagliavano il gelo al granito )

 

Niente si dichiara pronto a mostrarsi

quando giro in orario le dita sul bordo di rame

l’ll suono nascosto arriva dalla finestra

aperta, come se piove da molto lontano,

di qualcuno l’odore che si avvicina

mi parla. Di mia madre sono inzuppata,

del suo ballo di viola de fado,

dalla montagna,

quando cantava la melodia del destino,

attorno la casa  rimane

 

 

 

Annunci