Tag

,

Si solleva in canto Ederlezi

nello spazio intimo delle tue mani

come fontana ti colma del soffio

l’origine come fiorire, nel foro

lo slancio.  ritorna l’odore del fieno

nella zolla d’aria mi tieni,

suono d’acqua,

in succo d’uva rinasco alla bocca

ogni cosa bussa alla terra. ad ogni passo

rinnova i fiori nel ghiaccio-

liberata, la mano leggera

come palpebra, geme

Canto d’amore sa me amala oro …

nel tremolio della bocca ederlezi

congiunge le mani nei seni

 ti offre l’agnello dive kerena

 amaro dive gridando invoca le ali,

dilata l’inizio per crederci ancora

resisti  t’implora

un’altra volta e ancora fallo accadere

rivolgi a terra l’ll  viso di sete in vespro

la sacca di pane al tuo fianco

liturgia nelle  ore di luce

Ci chiuderemo uno nell’altro

 fiori all’altare dentro uno scrigno

  Non vacillare sulle porte segrete

l’ll gemito e’ solo l’ll peso della mia vita

sotto la tenda l’ll sole non muore

Guarda Ederlezi,  guardala in viso

da vicino, trema, di tanta speranza

fa  gli occhi chiari la veglia e ti chiama

nel grembo nuovo dell’anno che attende

*-Ederlezi-

Testo originale romaní-
Sa me amala oro kelena
Oro kelena, dive kerena
Sa o Roma daje
Sa o Roma babo babo
Sa o Roma o daje
Sa o Roma babo babo
Ederlezi, Ederlezi
Sa o Roma daje
Sa o Roma babo, e bakren chinen
A me chorolo, dural besava
Amaro dive, amaro dive
Amaro dive, Ederlezi
Ediwado babo, amenge bakro
Sa o Roma babo, e bakren chinen
Sa o Roma babo babo
Sa o Roma o daje
Sa o Roma babo babo
Ederlezi, Ederlezi
Sa o Roma daje

Annunci