Tag

, ,

l’ombra è di ferro. non hanno braccia

nel vuoto originario le mani negative

-ampiezza immensa-

completamente aperte di colore

impregnate oltre la pietra spruzzate

dalla cripta della bocca, di morsi mutilate

nel buio più profondo.trentamila anni fa

urlavi di granito quelle mani .

sondavi un limite

nella grotta dei cervi- ho proteso la mano

alle mani una gola che beve

perchè in loro c’era tanto amore

– parola che scoppia tutte le altre –

in grani di nero prendevi qualcosa

qualcos’altro lasciavo di più umano

della superficie esposta alla luce

un rosso. per inabissarlo in Dio

odora di bianco la macchia nel cielo

le mani

Annunci